I core web vitals di Google da maggio 2021 diventeranno un fattore determinante per il ranking

I nostri siti diventeranno più user friendly! Nell’ambito della più generale rivoluzione della Page Experience, a partire da maggio 2021 Google inizierà a valutare i Core Web Vitals come fattore di ranking. Questi ultimi verranno combinati con i nostri segnali di ricerca esistenti, tra cui siti mobili-friendly, safe-browsing, sicurezza HTTPS e le linee guida per gli interstitial intrusivi.

 

Ma quali saranno i primi interventi che Google metterà in pratica?

 

Ha deciso di partire dai 3 seguenti:

  • Largest Contentful Paint (LCP) per misurare le prestazioni di caricamento del contenuto principale di una pagina, con un valore ideale di 2,5 secondi o più veloce.

 

  • First Input Delay (FID) per misurare l’interattività di una pagina, con una prestazione efficiente se avviene in meno di 100 millisecondi.

 

  • Cumulative Layout Shift (CLS) per misurare la stabilità visiva e la quantità di spostamento imprevisto del layout. Per fornire una buona esperienza, le pagine devono mantenere un valore inferiore allo 0,1.

 

Ma le novità previste per il 2021 non finiscono qui!

 

Google sta progettando un indicatore visivo in grado di evidenziare nei risultati di ricerca le pagine che hanno un’ottima Page Experience: risultati, snippet, anteprima dell’immagine sono tutti elementi che, fornendo un contesto all’utente, lo aiutano nella scelta del risultato di ricerca.

 

Ultima novità, ma non meno importante, è che tutte le pagine che soddisfano le norme sui contenuti di Google News potranno comparire nella feature Top Stories da mobile e Google darà priorità a quelle pagine che, oltre ad avere un’ottima Page Experience, utilizzano AMP o qualsiasi altra tecnologia web.